Mario e il mago

La piccola località costiera di Torre di Venere alla fine degli anni ’20. Come ogni estate, lo scrittore tedesco B. Fuhrmann, sua moglie ei loro due figli trascorreranno lì le loro vacanze. Negli anni si sono stretti legami tra questa famiglia benestante del Nord Europa e gli abitanti di questo paesino italiano. Ma quest’anno sarà tutto diverso. Con l’ascesa del fascismo, il loro soggiorno assume un tono più cupo. I loro ospiti italiani mostrano improvvisamente un razzismo palese nei loro confronti e un innocuo incidente sulla spiaggia che coinvolge Sophie, la loro figlia, assume un’aria scandalosa. L’atmosfera surriscaldata raggiunge il suo apice quando appare uno strano uomo, Cipolla. Un ipnotizzatore itinerante, dotato di poteri evidenti, usa il suo fascino come un’arma. Niente e nessuno può sfuggire alla sua influenza e gioca sugli odi e sugli amori di questa comunità. La sua prestazione finale concentrerà tutte queste emozioni. Costringendo tutti a svolgere i propri ruoli fino alla loro logica conclusione, scatenerà una vera catastrofe.

Il noto attore austriaco Klaus-Maria Brandauer è salito sulla sedia del regista per questo dramma sull’ascesa del fascismo in Europa, basato su una storia di Thomas Mann. Negli anni ’20, Bernhard Fuhrmann (Julian Sands), scrittore tedesco e schietto di sinistra, porta la sua famiglia a Torre di Venere, una comunità turistica in Italia, dove non sono accolti calorosamente da tutti i residenti, soprattutto dopo un incidente in cui La figlia di Fuhrmann viene beccata a nuotare nuda in riva al mare. Mentre molti degli ospiti dell’hotel in cui alloggiano i Fuhrmann esprimono la loro opposizione alla presenza della famiglia, il portiere difende il loro diritto di rimanere lì – finché non viene uccisa e sostituita da un membro della brigata fascista locale. Mentre il villaggio è avvolto dal caos, appare un mago di nome Cipola (Brandauer), che ha un profondo effetto sulla vita di coloro che lo circondano. Mario und der Zauberer è stato presentato in concorso al Festival di Mosca del 1994.

Il tanto atteso secondo lavoro di regia del regista Klaus Maria Brandauer si presenta come un film d’autore europeo convenzionale che è più forte su belle immagini che sulla storia o sulla sostanza. Basato sul romanzo autobiografico di Thomas Mann, questo costumista è troppo un collage di istantanee italiane tra le due guerre per toccare un vasto pubblico. Pic potrebbe, tuttavia, fare affari tra il suo pubblico target di appassionati di cinema, basandosi solo sui nomi dei lead e sulla straordinaria fotografia.

La storia racconta la visita di un noto scrittore liberale tedesco, Bernhard Fuhrmann (Julian Sands) e della sua famiglia di tre persone nella località balneare italiana di Torre di Venere negli anni ’20. Mentre è lì, incontra la strisciante intolleranza del fascismo e il triste declino dei valori europei liberali in una specie di volgare barbarie.

Gli ospiti italiani dell’hotel di lusso vogliono che Fuhrmann e la sua famiglia si trasferiscano in un edificio esterno: sua figlia di 8 anni ha causato uno scandalo quando si è spogliata sulla spiaggia. Successivamente, il direttore dell’albergo (Philippe Leroy Beaulieu) viene ucciso e sostituito da un giovane con tendenze fasciste. E il capo della polizia locale (Rolf Hoppe) è un idiota infantile che avverte future aperture per le sue tendenze tiranniche.

In mezzo a tutto questo spunta il mago storpio ma ipnotizzante, Cipolla (Brandauer), che gradualmente affascina – e cambia persino la vita di – alcuni personaggi. C’è anche la storia secondaria dell’amore tragico e insoddisfatto di un cameriere, Mario (Pavel Greco), per la bella nipote del capo della polizia, Silvestra (Valentina Chico).

Sfortunatamente, i vari aneddoti non si incontrano mai e, in un film interamente popolato da personaggi secondari, nessuno ha davvero la possibilità di raccontare la propria storia.

La splendida fotografia del fotografo ungherese Lajos Koltai rende ogni scena un piccolo piacere. Ma sebbene il tema del film sia l’invasione del fascismo nella cultura europea, il pubblico rimane all’oscuro dell’argomento entro la fine del film.

La scena più impressionante arriva presto: la corsa annuale dei camerieri in cui i camerieri attraversano la città portando vassoi con vino e spaghetti. La maggior parte della sequenza è girata sopra le teste degli osservatori per strada. In modo irritante, Brandauer mantiene questa distanza tra la cinepresa e l’azione per tutto il film.

Anche la parte (relativamente piccola) di Brandauer come mago cade vittima di questo allontanamento: si esibisce in modo indiretto, con poco sforzo visibile – eufemismo che non funziona.

Sands sembra perso in un ruolo che per lo più gli richiede di pronunciare linee funzionali come “Partiamo domani”.

La maggior parte delle altre esecuzioni sono buone, specialmente Leroy Beaulieu come direttore dell’hotel, suonata con precisione ed eleganza.

I crediti tecnici sono eccellenti, anche se il montaggio di Tanja Schmidbauer potrebbe essere più stretto. Il punteggio del figlio di Brandauer, Christian, è funzionale.

Pic è stato girato con attori che usano la loro lingua madre.

Translate »
You cannot copy content of this page