Botteghe Storiche

SALONE ARTE & CAPELLI

Il Salone da barbiere ‘Arte & Capelli’ di Giulio Di Francesca è un vero e proprio tesoro storico di Cefalù. Situato in Corso Ruggero 93, questo salone ha una storia che risale ai primi del ‘900, quando si dice fosse gestito da un certo Di Stefano. Dopo gli anni ’20, subentrò il sig. Calabrese e negli anni ’40 fu la volta del ‘Principale Pitonzo’, che gestì il salone fino agli anni ’70.

Durante la sua lunga storia, il salone ha visto passare molti proprietari e ha subito diverse trasformazioni. Tuttavia, una cosa è rimasta costante: la passione per l’arte dei capelli. Infatti, il salone ha sempre avuto una reputazione di eccellenza nella cura dei capelli e nella rasatura degli uomini.

Ma come è arrivato il sig. Di Francesca a gestire questo storico salone? Dopo il sig. Brocato, che ha gestito il salone per ben 36 anni, il salone è stato rilevato dall’attuale gestore, Giulio Di Francesca, nel 2005. Con la sua passione per l’arte dei capelli e la sua esperienza nel settore, Di Francesca ha portato nuova vita al salone, mantenendo al contempo la sua autenticità e il suo fascino storico.

Entrando nel salone, si viene accolti da un’atmosfera calda e accogliente, che ricorda i saloni da barbiere di un tempo. Il piccolo locale, il cui ingresso prospiciente il Corso Ruggero mantiene ancora un portale risalente agli anni ’40, è arredato con cura e attenzione ai dettagli. Qui si possono ammirare rasoi antichissimi, affila rasoi, affila lamette di pregio, forbici e macchinette a mano degli anni ’50. Ogni oggetto ha una storia da raccontare e contribuisce a creare un’atmosfera unica e suggestiva.

Ma il vero punto di forza del Salone da barbiere ‘Arte & Capelli’ è la maestria di Giulio Di Francesca. Con la sua esperienza e la sua passione, è in grado di creare tagli e acconciature uniche e personalizzate, che soddisfano le esigenze e i desideri di ogni cliente. Inoltre, il salone offre anche servizi di rasatura tradizionale, utilizzando rasoi e prodotti di alta qualità.

Translate »
You cannot copy content of this page