Cefalù e l'occulto

Cefalù, l’ Abbazia di Thelema

Cefalù doveva essere il luogo dove si sarebbe dovuto creare il faro che doveva illuminare l’umanità sotto la guida di Aleister Crowley. Venne a Cefalù nell’Aprile del 1920 in compagnia dell’americana Leah Faesi sua concubina numero uno e della signorina Ninette Fraux, chiamata Suor Cypris, concubina numero due e due bambini figli di Leah, e del marito dal quale era divorziata.

In seguito altre donne raggiunsero Crowley a Cefalù e di tanto in tanto gruppi di stranieri andavano a trovare questa comitiva. Egli abitavauna casa nella campagna di Santa Barbara alla quale si accedeva attraverso un sentiero situato dirimpetto all’entrata del cimitero.

La regola fondamentale doveva essere scritta a caratteri d’oro nel frontone del tempio immaginario. La casa dove Crowley contava di accumulare delle energie magiche per potere conquistare il mondo e piegarlo al suo dominio, era una casa a pianterreno formata da alcune stanze che davano in un’ampia sala centrale a forma rettangolare dove egli aveva disposto il suo trono ad Est e quello della sua concubina numero 1 ad Ovest.

I muri, le porte e tratti del pavimento, erano quasi interamente decorati dai nudi pornografici dipinti dallo stesso Crowley.

Figure unite in pratiche sessuali di diverse maniere, uomini che si accoppiavano con animali, simboli delle divinità create dalla sua bizzarra fantasia, immagini diaboliche che nei momenti che esercitavano riti della loro religione, facevano da cornice alle riunioni per le preghiere quotidiane. Le immagini erano eseguite in uno stile fra l’espressionismo figurativo e il surrealismo.

Cefalù 1920 - Crowley con la famiglia davanti alla casa
Aleister Crowley

Nella stanza centrale i “crowleysti” si riunivano cinque volte al giorno per pronunciare le preghiere implorando il diavolo, sacrificando animali e dandosi a strani riti sessuali sotto l’influenza della droga di cui facevano abuso.

Prima di iniziare i riti orgiastici avevano cura di chiudere ermeticamente le imposte in maniera che nessuno dall’esterno potesse vedere ciò che avveniva in quel piccolo eremo solitario e gli abitanti di Cefalù per lungo tempo rimasero ignari di quanto accadeva nella famiglia dei “Mormoni”.

Quasi nessuno dei componenti di questa famiglia scendeva in città tranne quando dovevano partire, il che avveniva spesso.

Lo stesso Crowley evitava di fare delle amicizie ed a nessuno era concesso di avvicinarsi alla loro abitazione tranne che al loro fornitore il quale, nei periodi di assenza di Crowley, visitava spesso le donne rimaste sole con le quali aveva legato tener relazioni.

Ma una delle concubine di Crowley scendeva spesso in città per la spesa e qualcuno ricorda ancora questa donna bionda, alta, di cui, pare, alcuni si siano invaghiti.

Di tanto in tanto la casa di Santa Barbara restava completamente deserta perchè tutta la “famiglia” emigrava per un breve periodo.

Chi accettava di far parte del “crowleysmo” doveva portare un notevole contributo di denaro. Per potere aderire a questa religione bisognava osservare alcune regole fondamentali: gli uomini dovevano avere la testa rapata, le donne dovevano avere i capelli biondi o rossi, chi non li aveva di colore naturale se li doveva tingere.

Sarah Jane Wolfe, questo il nome di una delle donne, che nel 1918, all’età di 43 anni, iniziò a corrispondere con Aleister Crowley e, due anni dopo abbandonò la sua carriera a Hollywood per unirsi a Crowley nella sua Abbazia di Thelema a Cefalù, in Sicilia, vivendovi dal 1920 fino alla chiusura nel 1923.

A Cefalù la Wolfe fu ammessa all’A∴A∴ da Crowley, prendendo il nome magico di Soror Estai, intraprendedo varie pratiche tra cui yoga, dharana e pranayama delle quali ha tenuto un registro dettagliato che è stato successivamente pubblicato dal College of Thelema della California settentrionale come “The Cefalu Diaries“.

Era usanza presso l’Abbazia di Thelema a Cefalù, dove venne a soggiornare Wolfe, concedere agli aspiranti tre giorni come ospite come ausilio nell’orientamento generale. Dopodiché, dovevano lavorare sulla loro realizzazione o andarsene.

Sarah Jane Wolfe era venuta lì per ricevere una formazione in yoga e magia e per scoprire la sua vera identità.

Jane Wolfe presso la spiaggia della Calura di Cefalù - By Self-scanned, Public Domain, https://commons.wikimedia.org

Questo scopo l’ha trascinata attraverso tutti gli avvenimenti sconvolgenti, Wolfe scoprì la cittadina di Cefalù che distava solo mezzo miglio dalla “Villa Santa Barbara” che era diventata l’Abbazia di Thelema.

Durante un suo magico ritiro su una spiaggia di Cefalù, che è durato un mese, Wolfe iniziò la meditazione Asana, una pratica yoga che ha eseguito quotidianamente nuda sulla spiaggia.

Wolfe ha lavorato con il sistema di addestramento Thelemico di Crowley a Cefalù per tre anni, ed è emerso da quegli anni con un certo grado di soddisfazione, essendo sopravvissuta alle prove di Crowley. In seguito ha lavorato come rappresentante personale di Crowley a Londra e Parigi.

Se qualcuna delle concubine disobbediva ai suoi ordini, Crowley la puniva esponendola nuda, legata con le b in croce, nelle rocce vicine che davano verso il mare.

Preferibilmente le legava di notte quando pioveva o c’era cattivo tempo. La persona punita doveva restarsene immobile e muta.

Tutte le donne erano marcate da un segno particolare sul seno, consistente in un sigillo formato da un occhio dentro un triangolo contornato da una raggera. Questo era il simbolo del loro signore e Crowley lo portava come emblema nei cappelli delle sue diverse uniformi.

Gli abitanti di Cefalù non si spiegavano il via vai periodico di persone tutte con la testa rapata, se erano uomini, o con i capelli biondi o rossi, se erano donne.

L'ABBAZIA DI THELEMA, casa madre della "religione magica" che Crowley aveva fondato per succedere al cristianesimo
Aleister Crowley a Cefalù - Margalit Thelema

Incominciò così a serpeggiare qualche sospetto che nella isolata casa di Santa Barbara ci potesse essere un covo di spie o di gente che appartenesse ad un’altra religione.

Alcuni incominciarono a spiare i movimenti di questi stranierie così incominciarono a correre voci contrastanti sulle attività segrete di questa gente che non scendeva quasi mai in città.

Solo raramente fu visto Crowley con il suo seguito di donne al Teatro Comunale dove si esibivano spesso delle compagnie di riviste e la gente tutta accentrava lo sguardo sulla sua strana figura, ed i giovani sulle sue donne.

Egli camminava sempre con un bastone a serpente, qualcuno afferma di avere sentito le grida delle donne che egli fustigava e andava poi a legare nella roccia di S. Calogero; qualche volta addirittura le legava sulla rupe salendo da un sentiero ripido posto alle spalle del cimitero.

Qualche pastore andava a slegare queste donne ancora sotto l’effetto della droga, completamente nude, le quali, poi, facilmente si concedevano.

Altri dicono di avere ascoltato dei mormorii provenienti dall’abitazione di Crowley come se fossero delle preghiere ma subito dopo si sentivano dei lamenti e delle grida di dolore come se qualcuno venisse sgozzato. C’è chi dice addirittura di aver visto degli spiriti del male. Per tutte queste stranezze, e forse per giustificare la convivenza di più donne con un solo uomo, si disse che fossero dei mormoni, parola che per gli abitanti di Cefalù suonava un pò misteriosa.

Furono visti spesso scendere alla spiaggia della Caldura dove Crowley teneva le donne in una tenda, delle volte giorno e notte, forse per castigo. I loro bambini venivano gettati in una grande cisterna che si trovava vicino alla loro abitazione affinchè imparassero a nuotare in quell’acqua fredda. Uno dei bambini morì in seguito a questi trattamenti.

Le autorità locali, dopo l’avvento del fascismo, incominciarono a prendere serii provvedimenti, principalmente sentendo parlare di spionaggio.

Nel 1923, il caso offrì alla polizia l’occasione di intervenire: La morte di Raoul Loveday (o Frederick Charles Loveday), uno studente universitario di Oxford di 23 anni.

Raoul viveva nelle vicinanze di Londra, nel 1922 sposò Betty May; si erano conosciuti all ‘”Harlequin Club” di Soho alcune settimane prima del loro matrimonio. Roaul incontrò Aleister Crowley per mezzo di altri amici, mentre soggiornava a Londra.

Un giorno Raoul decise di andare da solo a trovare Crowley e per tre giorni non fece ritorno a casa a casa da sua moglie Betty, infatti trascorse tre giorni con Crowley, prendendo l’etere.

Non passò molto tempo dopo il grande incontro di Raoul e Crowley che il giovane perse ogni ambizione di avere una carriera accademica e la sua mente divenne ossessionata da Crowley e dallo studio della magia.

Raoul Loveday - Public Domain, Wikimedia
Betty May - By Source (WP:NFCC#4), Fair use, Wikipedia

Vedendo l’enorme potenziale che Raoul aveva per la magia, Crowley lo invitò all’Abbazia di Thelema a Cefalù.

A metà ottobre 1922, Crowley ripartì per Cefalù, facendo tappa a Roma dove scrisse a Raoul, convincendolo a venire all’abbazia insieme alla moglie Betty.

Il 26 novembre del 1922, era una domenica, Raul e Betty giunsero a Cefalù. Nelle settimane successive all’Abbazia, Raoul divenne Sommo Sacerdote e prese il nome di Frater Aud, ma Betty non nera molto contenta di stare all’abbazia, la trovava sporca e non andava d’accordo con Crowley.

All’inizio di febbraio Raoul si ammala, si dice: per aver bevuto dell’acqua da una sorgente, durante una visita ad un monastero nei dintorni.

Martedì 13 febbraio Crowley registra nel suo diario di aver sentito ” una Forza Magica – una corrente pesante, nera e silenziosa – che sta minacciando l’Abbazia”. Il giorno successivo (mercoledì) Raoul è peggiorato molto, viene chiamato il dottor Maggio di Cefalù, che dopo averlo visitato diagnostica una enterite acuta.

Raoul Loveday, “Frater Aud” muore il venerdì 16 febbraio 1923 alle 16:00. all’Abbazia di Thelema. Sua moglie, Betty May, ha variamente attribuito la morte alla sua partecipazione a uno dei rituali di Crowley o alla diagnosi più probabile di febbre enterica acuta contratta bevendo da una sorgente di montagna, non voleva più rimanere nella casa di Santa Barbara, voleva partire ma chiedeva a Crowley di ritornargli parte del denaro che il suo uomo aveva dato.

Il carro funebre che ha portato Raoul al cimitero di Cefalù - Picture Post. 1955

Crowley non poteva, o non voleva, restituire il denaro adducendo delle scuse che non furono accettate dalla donna rimasta sola. Essa decise, forse istigata da qualcuno del luogo, a denunciare tutto alla polizia.

Quando May è tornata a Londra, ha rilasciato un’intervista a un giornale scandalistico, The Sunday Express, che includeva la sua storia nei suoi attacchi in corso a Crowley. Crolwey fu così processato per oltraggio al pudore, per aver esposto le sue donne nude e per tutte le altre pratiche che esercitava nella sua casa.

Con queste e altre voci simili in mente sulle attività dell’Abbazia, il governo di Benito Mussolini chiese a Crowley di lasciare il paese nel 1923.

Cefalù - Panorama anni '20

Egli fu scacciato via da Cefalù, con l’ordine di non poter risiedere in nessuna parte d’Italia, nel 1924. La polizia, per motivi prudenziali scacciò pure alcuni stranieri che abitavano a Santa Lucia. Una delle sue donne, abbandonata al proprio destino, rimase a Cefalù dove cercò di trovare lavoro come governante; ma quasi nessuno la voleva, non solo per tutto ciò che si era detto di loro, ma anche perchè era con due bambini.

Fu costretta dalla necessità a prostituirsi e divenne l’amante di qualche signorotto locale. Il padre di uno dei suoi bambini venne a prenderselo per portarselo con sè in America dove ancora vive. Dell’eremo di Santa Barbara non resta oggi quasi niente perchè le decorazioni scomparvero quando la casa fu rimessa a nuovo. Esiste solo una completa documentazione fotografica eseguita da un giornalista inglese venuto a Cefalù poco prima che la casa fosse rifatta.

Dopo la partenza di Crowley la popolazione di Cefalù intuì cosa rappresentava per lui la casa di Santa Barbara. Le pitture parietali scandalizzarono tutti coloro che ebbero occasione di vederle. Per diverso tempo nessuno volle più abitare quella casa creandosi la leggenda che fosse abitata dagli spiriti. Il proprietario fu costretto perciò a rifarla e le porte furono disperse.

Qualcuna di queste porte però esiste ancora. Pare che esiste, in Cefalù, anche qualche suo manoscritto. Esiste la bella pipa damascata con la quale Crowley si dilettava a fumare. Esisteva anche il bastone con la punta di serpente. Crowley a Cefalù ha predetto la morte di alcune personalità fra cui quella del matematico Norman Mud, e le profezie si avverarono nelle condizioni che egli aveva predetto.

Pare che a Cefalù abbia scritto il libro Il diario di un tossicomane e l’Inno a Pan.

Nel 1955  un giovane americano, Kenneth Anger, che aveva già realizzato un film su “La bestia dell’Apocalisse, il cui numero è 666 – il numero dell’uomo “(si chiamava” The Dome of Pleasure “, ed è stato mostrato al festival della Gran Bretagna), è venuto di Cefalù, antica città di pescatori della Sicilia.

Stava cercando le location per un altro film che avrebbe affrontato il periodo di Cefalù di Crowley. Dalla descrizione dell’Abbazia di Crowley nei suoi diari, Anger la localizzò immediatamente in un uliveto, un miglio o più fuori città. Era un edificio a un piano, abbandonato e fatiscente, in tutto il genere di posto che assoceresti al quartier generale della magica “religione” che aveva lo scopo di succedere al cristianesimo!

La rabbia è riuscita a entrare nella villa. Mentre esitava nella penombra di una delle stanze vuote, si rese conto di essere guardato dalle pareti da molti occhi. Non ha corso. Rimase semplicemente lì, in attesa che accadesse qualcosa. La magia era ancora viva qui? Crowley stava suonando qualcosa di postumo scherzo? Ma non è successo niente.

Kenneth Anger in visita all'Abbazia di Thelema nel 1955 - Picture Post. 1955

Gli occhi continuarono a fissarli fissi, inquietanti, finché improvvisamente si rese conto che dovevano essere i dipinti magici e pornografici con i quali Crowley aveva coperto le porte e le pareti dell’Abbazia. La polizia li aveva semplicemente imbiancati e ora, dopo trentasette anni, si stava sfaldando. Per ricostruire per il suo film gli episodi più pubblicizzati della storia della magia non avrebbe dovuto fare altro che affittare il luogo e togliere la calce.

Foto Storiche Cefalù

Fonti:
Estratti dagli articoli pubblicati dal Prof. Pietro Saja sul Corriere delle Madonie del 1 Nov.1965; 15 Nov. 1965; 15 Mar. 1966.
Wikipedia
The Great Beast di John Symonds
The 100th Monkey Press

Video Box

Intervista a Pietro Saja. Regia di Gaspare Pasciuta

Crowley’s Heaven - Francesco Lapunzina

Crowley - Tratto da Anger me di Elio Gelmini, con Kenneth Anger

Thelema - di Elio Gelmini con Domenico Portera

Crowley di Sigfrido Giammona

Crowley - Tg2 Storie

Aleister Crowley - Thelema Abbey, Cefalu, Sicily (June 07) - Richard T. Cole

World's Creepiest Places - Aleister Crowley's House - Sicily

Photo Gallery

In costruzione...

Due pagine del "The Buffalo Times Sun" del 10 Giugno 1923, al centro nella foto Crowley nella spiaggia di Cefalù
Crowley sulla spiaggia di Cefalù - "The Buffalo Times Sun" del 10 Giugno 1923 - Ingrandimento
Translate »
error: Alert: Content is protected !!