Cefalù e l'occulto

Crowley, l’uomo che ha scelto il male

DAL PICTURE POST DEL 19 NOVEMBRE 1955

Il suo nome è Aleister Crowley, i giornali lo chiamavano “L’uomo più malvagio del mondo”. È morto otto anni fa, ma è ancora una notizia: recentemente è stato scoperto un mostruoso monumento alla sua magia nera. JENNY NICHOLSON Qui ci dà un profilo dell’uomo che ha venduto la sua anima al Diavolo.

Durante la sua vita, i giornali britannici e americani hanno scritto di Crowley e le sue opere, con titoli come: ?L?uomo pi? malvagio del mondo ?, L?uomo che vorremmo impiccare ?, ?Un cannibale in generale ?, ?Re della depravazione ?, ?Fai quello che vuoi?, la religione rivela rituali malvagi portati avanti dal suo sommo sacerdote e dai suoi adoratori e sulla morte di un discepolo: ?Spinto al suicidio dagli adoratori del diavolo ?.

Persino Hitler non fu certo definito l?uomo pi? malvagio del mondo con una tale convinzione, o per cos? tanti anni. Il pubblico percep? istintivamente la differenza tra Hitler, che era follemente convinto di aver fatto ci? che aveva fatto per il bene del mondo e, Crowley, che scelse deliberatamente il male, intenzionalmente a distruggere le regole sociali di comportamento Sostituendoli con i suoi.

Crowley non era un povero imbianchino, poco letterato e privo di sex appeal, era benestante (suo padre ha fatto una fortuna con il birrificio di famiglia e gli ha lasciato 40.000 sterline).

Brillante, coraggioso e irresistibile con le donne, ha scritto 107 libri, principalmente di poesia e magia. Della sua poesia, C. R. Cammell, uno dei suoi entusiasti biografi, scrisse: ?Ci sono poeti tra i suoi contemporanei che hanno composto versi belli quanto i migliori di Crowley.

Spedizione sul K2 del 1902 - By Jules Jacot, pionnier_au_K2, Public Domain, https://commons.wikimedia.org

Ma nessun poeta del nostro tempo ha conquistato un regno così vasto di temi poetici e meditazione “.

Molti critici seri erano d’accordo con lui, persino John Bull, il primo ad accusarlo di essere l’uomo più malvagio del mondo, recensendo uno dei suoi libri di poesie, declamò: “… come signore del linguaggio, è somigliante a Swinburne“.

Crowley era uno dei più grandi alpinisti della sua epoca.

Ha guidato la prima spedizione sul K.2 (sette anni prima che il Duca degli Abruzzi ci tentasse) e visse a oltre 6.000 metri di altezza, più a lungo di quanto non fosse mai stato vissuto prima.

Lui e Oscar Eckenstein hanno letteralmente corso sulla montagna messicana, Popocatapetl.

Prima foto della vetta del K2 scattata da Jules Jacot Guillarmod nel 1902 alle 6:15. Public Domain, https://commons.wikimedia.org
1902, K2 campo base della spedizione , Crowley è seduto al centro. - By Jules J. Guillarmod, Public Domain, https://commons.wikimedia.org

Il dottor Tom Longstaff, un tempo Presidente del Club Alpino britannico, dice: ?Era un bravo scalatore? l?ho visto risalire il lato destro pericoloso e difficile del gigantesco versante della grande cascata di ghiaccio della Mer de Glace? da solo, solo per una passeggiata. Probabilmente la prima e unica volta che questa via folle, pericolosa e difficile ? stata intrapresa?.

Quando gli uomini della sua spaventosa e superstiziosa spedizione si rifiutarono di andare oltre il Kangchenjunga, dimostr? il suo coraggio rotolando velocemente lungo un ripido pendio e fermandosi sull?orlo del precipizio.

Non c?era nulla di ozioso in Crowley.

1905, campo base della spedizione sul Kanchenjunga. - By Jules Jacot Guillarmod - https://commons.wikimedia.org

Ha attraversato i deserti del Nord Africa e del Sahara e ha impiegato quattro mesi per attraversare la Cina con una moglie e un figlio malato.

Ed era vero che lui poteva giocare contemporaneamente due partite di scacchi contro degli esperti, che chiamavano le loro mosse mentre lui, senza guardare le tavole, corteggiava una donna e formulava il suo oroscopo, battendoli tutti e tre.

Crowley quando era studente - http://popculture-keys.blogspot.com

Nessuno sa perché Crowley abbia scelto l’occulto, sua madre e suo padre erano devoti fratelli di Plymouth e predicavano la dannazione eterna.

Quando Crowley aveva dodici anni, fu pubblicamente messo al bando a scuola, per aver tentato di corrompere un altro ragazzo.

Incapace o riluttante a sfidare i suoi desideri, Crowley invece sconfisse gli dei domestici, i suoi genitori.

Si identificava deliberatamente con personaggi come il leader dell’ammutinamento indiano, Nana Sahib, accusato del massacro di Cawnpore e il Diavolo di cui suo padre metteva sempre in guardia tutti.

Ha preso un gatto, lo ha dosato con arsenico, lo ha cloroformizzato, lo ha appeso sopra il getto del gas, lo ha pugnalato, gli ha tagliato la gola, gli ha fracassato il cranio, l’ha annegato e lo ha gettato fuori dalla finestra, sostenendo di voler vedere se era vero che un gatto aveva nove vite.

Ha detto che è stata sua madre a dargli il titolo “La Bestia”, che gli è rimasto per sempre.

Per qualcuno poeticamente fantasioso e ansioso di vendicarsi e divertirsi, come Crowley, la magia era una ricerca irresistibile. Bramava ogni esperienza fisica e mentale. Voleva salire più in alto e affondare più in basso di chiunque altro. Il suo corpo era aggressivamente maschile, le sue mani femminili. Voleva essere sia uomo che donna, poeta e creatore di soldi, amante e assassino, spirito frivolo e dio geloso.

Chiss? se ? vero? ? possibile che la signora Crowley,? come fanno molte madri, lo chiamasse ?una piccola bestia? e si sia promosso drammaticamente a uno degli orchi preferiti dai suoi genitori, la BESTIA DELL?APOCALISSE (Apocalisse capitolo 13) il cui il numero ? 666, cos? inizi? un lungo record di auto-promozioni.

Era nato Edward Alexander (il 12 ottobre 1875, a Leamington) ma si ? dato il nome pi? poetico di Aleister. All?et? di 20 anni si ? insediato come conte Vladimir Svareff.

Quando acquist? Boleskine, una casa e due acri vicino a Loch Ness, si fece chiamare Laird di Boleskine e mise una corona sul suo foglio di carta. Successivamente si ? nominato cavaliere ?Sir Alastor de Kerval?.

Un tempo divenne il principe Chioa Khan. Nel 1912, si ? promosso nella magica gerarchia da m ?Il re supremo e santo d?Irlanda, Iona e tutti i britannici che sono nel Santuario della Gnosi? (un titolo conferito lui dall?adepto magico tedesco, Theodor Reuss, dei Templari orientali, perch? Crowley aveva scoperto il segreto del IX grado) al re Baphomet.

Laird di Boleskine - https://www.100thmonkeypress.com

L’unica promozione che non ha organizzato è stata quando la stampa britannica lo ha sollevato “The Wickedest Man in Britain” ( L’uomo più malvagio in Gran Bretagna) e “The Wickedest Man in the World” (L’uomo più malvagio del mondo).

"Il mio maestro è Satana" predicava...

Decise che la magia, che ? stata definita come ?il controllo delle forze della natura con la parola, la mente o il gesto?, era il mezzo per ottenere tutto questo.

Crowley ha avuto il cervello per vedere che la magia pu? essere un affare molto pericoloso, ma ha anche avuto il coraggio di rischiare le conseguenze. Inoltre, era particolarmente interessante per lui il fatto che la pratica del sesso sia essenziale per l?esecuzione di molte forme di magia.

Crowley studi? la magia molto seriamente, dagli Yogi in India, dai Buddisti in Tibet e dalle opere di Il dottor John Dee, astrologo della regina Elisabetta I (che costituiscono la base di tutta la magia europea e includono il talismano con cui il dottor Dee affermava di aver distrutto l?Armada).

Secondo altri maghi, i suoi discepoli e le sue vittime, Crowley aveva un talento naturale per questo.

Aleister Crowley il mago
Aleister Crowley - Hymn to pan

È difficile prendere sul serio un uomo che esteriormente si comporta come un ridicolo ciarlatano. Crowley indossava abiti sgargianti da turista europeo, trucco e profumo per attirare l’attenzione su di sé.

Con fantasia stravagante portò una troupe di ragazze del coro a Mosca e, mentre le “Ragged Ragtime Girls”, così erano chiamate le ragazze della troupe, ballavano per la sua cena, si nascondeva nelle quinte del teatro scrivendo “A Hymn to Pan”

Durante la guerra del 1914 divenne un traditore inefficace, ha tenuto un discorso anti britannico, ai piedi della Statua della Libertà, in piedi su una barca a noleggio con “altre quattro persone dissolute” e una ragazza con un violino.

Ha parlato di negozio di magia alle cene con un accento strascicato. E privatamente e in modo costoso vendeva il suo “Elisir di Vita” (“fatto da una sostanza del mio stesso corpo”), l’unguento Sex Appeal e il suo corso di ringiovanimento chiamato Amrita.

Scrisse, per un successo economico, “The Complete Exposure of a Drug Fiend” (aveva sperimentato tutte le droghe conosciute e poco conosciute, la porta di servizio della magia, ed era diventato un eroinomane).

Quando è diventato un pittore a New York (“Sono un vecchio maestro, perché dipingo principalmente anime morte”), ha pubblicizzato per i modelli: Nani, Gobbi, Donne tatuate, Harrison Fishergirls, Freaks di tutti i tipi, Donna di colore solo se eccezionalmente brutta o deforme…

Voci tipiche nel suo Libro magico, come “Il cane stava tranquillamente fumando la sua pipa da oppio quando all’improvviso ha iniziato ad avere visioni rumorosamente ”, sono divertenti senza allegria.

E c’è qualcosa di pateticamente poco convincente nel fatto che il rituale di iniziazione viene eseguito solennemente in una stanza sul retro di Chancery Lane, o Sex Magic in Victoria Street. Ma il guaio era che Crowley, comunque tu voglia spiegarlo, era una forza efficace e distruttiva.

Aveva stretto un patto solenne con il diavolo. Era un satanista praticante e, dal suo punto di vista, di successo: “Il mio maestro è Satana”, e predicava: “Non resistere al male”.

The Greath Beast di John Symonds

Secondo John Symonds, che scrisse The Great Beast, quando Crowley iniziò a praticare seriamente la magia e iniziò a evocare demoni a Boleskine, “il suo cocchiere, fino a quel momento astemio, cadde in delirium tremens; un chiaroveggente portato da Londra vi ritornò e divenne prostituta; la sua governante, “incapace di sopportare la stranezza del luogo”, svanì, e uno degli operai impiegati nella tenuta si impazzì e cercò di uccidere il nobile Laird di Boleskine.

Persino il macellaio del villaggio è entrato per la sua quota di sfortuna perché Crowley ha annotato casualmente su uno dei suoi conti i nomi di due demoni, cioè Elerion e Mabakiel, che significano rispettivamente “risate” e “lamenti”.

Insieme, queste due parole significano “un dolore inaspettato che scende improvvisamente sulla felicità”.

Nel caso del macellaio, ahimè, era fin troppo vero, perché mentre tagliava un’articolazione per un cliente, recise accidentalmente l’arteria femorale e morì prontamente “.

Thelema Abbey Cefalù

La maggior parte dei suoi discepoli e delle Donne Scarlatte (le compagne de La Bestia, di cui ce n’erano molte) finirono in pazzi asylum, si bevvero a morte, si suicidarono o morirono all’improvviso nel fiore degli anni di una vita sana maledetta da Crowley, invisibilità raggiunta.

Camminò per Città del Messico indossando un mantello scarlatto e una corona d’oro e ingioiellata, e nessuno lo notò. È uscito dalla sua “Abbazia” in Sicilia, attraverso la polizia venuta ad arrestarlo.

Predisse la data di entrambe le guerre mondiali, la morte del suo primo figlio, il figlio di una delle sue amanti, di sua madre e suo padre, dei suoi discepoli Norman Mudd (per annegamento), di Raoul Loveday (per aver bevuto acqua cattiva), della sua serva himalayana su Kangchenjunga e di molte delle sue Scarlet Women.

Un giorno fece sparire tutti i libri dagli scaffali della libreria del signor Watkin in Charing Cross Road. Ma erano tutte piccole cose. Symonds scrive: “La sua ambizione era di sostituire il cristianesimo morente con una crowleyanità ribelle”. Dal suo punto di vista; è riuscito.

Ha evoluto la magica religione di Thelema, la sua legge era: “Fai ciò che vuoi sarà l’intera legge.

The Indianapolis Star Sun Jun 3 1923 al centro la foto di Piazza garibaldi a Cefalù

L’amore è la legge. Love under Will. “Crowley scrisse la sua” bibbia”, intitolata “he Book of the Law” (Il libro della legge), egli stesso costruì Thelema il primo tempio a Cefalù, in Sicilia (ce ne fu in seguito un altro in California, costruito dal famoso scienziato americano John Parsons) e, ha avviato “The New Eone of Crowleyanity” (la nuova era di Crowley)  “bandendo il Dio morente”.

C’erano diversi rituali e la “magia sessuale” ne accompagnava la maggior parte, Crowley diceva che: “Le donne dovrebbero essere portate alla porta sul retro, come il latte”, il suo bisogno di loro era insaziabile e, l’offerta di donne che si lasciavano fare con gioia, anche di essere dolorosamente marchiate con il Marchio della Bestia e di avere dei riti con sacrifici di animali, non era mai sazio.

Crowley con la prima moglie Rose e la figlia

Si è sposato due volte, (una delle sue mogli, Maria Miramar, è morta in un manicomio inglese sostenendo ancora di essere la Donna Scarlatta) e le sue amanti erano troppe per poterle contare.

L’unica donna scarlatta che sia finita felicemente è stata Leah Faesi che lo ha attaccato con “contro-magia”. Alla fine divenne una cattolica praticante e non servì interamente a nessun uomo o donna il diritto di frequentare Crowley.

Dovevano essere spiritualmente ben armati per resistergli, perché se qualcuno di cui aveva bisogno sembrava riluttante, era in grado di costringerli.

I suoi poteri ipnotici erano tali che un giorno a Piccadilly ipnotizzò una giovane donna felicemente sposata che stava guardando innocentemente nella finestra di Fortnumand Mason’s, così che, sotto il suo incantesimo, lei lo accompagnò, un perfetto sconosciuto, in un hotel, dove rimasero. per più di una settimana.

Poco dopo stava per divorziare, la sua vita era rovinata e Crowley l?aveva lasciata.

Sembra straordinario che nessuna donna si sia risentita pubblicamente del suo Serpent?s Kiss, che era quello di afferrare il polso di una donna a cui era stato presentato e mordere fino a farla sanguinare.

Sebbene il sangue degli animali scorresse liberamente sui suoi altari, la polizia inglese, francese, italiana e tedesca non fu mai in grado di dimostrare che egli compisse sacrifici umani.

Ma anche se ha insistito sul fatto che aveva a che fare con gli angeli e non con i demoni, hanno riconosciuto che la sua influenza era palesemente malvagia e fu espulso da un paese dopo l?altro.

Leah Hirsig - Public Domain, https://commons.wikimedia.org

Crowley morì tristemente in una pensione inglese nel 1947, ma aveva lanciato la sua “religione” (che ha ancora  discepoli in America) e ha lasciato uno spirito malvagio e turbolento dietro il quale è difficile nascondersi.

La storia di Crowley non finisce qui, ma continua nel suo modo inquietante, come vedrai.

Foto Storiche Cefalù

Fonti:

www.100thmonkeypress.com
Picture Post
Wikipedia

Video Box

Aleister Crowley - Il mago e la Sicilia

Aleister Crowley & the Occult - The Wickedest Man In the World!

Translate »
You cannot copy content of this page
error: Alert: Content is protected !!